- reset +
Members Login

Home

DALLA TRADIZIONE ALLA PREVENZIONE: MUSICHE E DANZE POPOLARI CON IL PATROCINIO DELL’ACT

PDFStampaE-mail

Venerdi 6 giugno 2014, a partire dalle ore 21.30, presso il room garden del Bar Casina Donati (Piazzale Appio n. 9, adiacenze Metro S. Giovanni), si terrà l’evento “Il giardino danzante”, realizzato con il patrocinio gratuito dell’Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze. La serata prevede un concerto con brani tratti dal repertorio della tradizione popolare, eseguiti da alcuni degli artisti che collaborano al Progetto “EtnoMut”, ideato dal musicista e polistrumentista Giovanni Tribuzio, per riscoprire e valorizzare il patrimonio artistico-culturale dell’Italia Centro-Meridionale. Al ritmo di pizzica, tarantelle e tammurriate, i ballatori della “Compagnia Sciarabballo”, guidati da Antonella Potenziani, psicologa, insegnante di ballo e coreografa, ricreeranno le atmosfere semplici e genuine di una festa popolare.

 

L’evento consentirà ai numerosi ragazzi che seguono la Compagnia di esibirsi all’interno di un luogo di aggregazione giovanile, in modo da permettere ai giovani frequentatori del locale di beneficiare di un momento di socializzazione che valorizzi il talento personale, elogi lo spirito di gruppo e stimoli il confronto fra pari. L’iniziativa rientra, infatti, tra le numerose proposte patrocinate dall’Act per diffondere un messaggio orientato al benessere e alla promozione di stili di vita sani, al fine di prevenire i comportamenti a rischio e la dipendenza da sostanze.

Il potere benefico della musica, associato all’azione liberatoria e catartica della danza, oltre a nutrire e rinfrancare lo spirito, consente di riportare l’attenzione sul corpo quale primario veicolo di comunicazione e trasmissione delle emozioni, oltre che elemento fondante della personalità umana, perché possa essere considerato sempre più un valore da rispettare e tutelare. L’energia del ballo, l’euforia sana di un atto gioioso e vitale come una festa popolare rappresentano, in tal senso, un efficace antidoto all’ebbrezza artificiosa e malsana prodotta dalle droghe, poiché riconducono ad una dimensione di spontaneità in cui il divertimento nasce, esclusivamente, dal piacere della reciprocità e della condivisione. La tradizione popolare, quale fonte di trasmissione del sapere e radice di un sentire comune, può costituire, da questo punto di vista, un valido ausilio alla prevenzione, in quanto pone l’accento sull’autenticità delle relazioni umane e valorizza il ruolo della persona al’interno del gruppo. Essa rappresenta, inoltre, un’importante fucina creativa a cui molti artisti contemporanei si ispirano e di cui, un numero sempre crescente di giovani, sta riscoprendo il fascino e la bellezza.

Per maggiori informazioni sull’evento, visita il sito www.sciarabballo.it o contatta uno dei seguenti recapiti: tel. cell. 392.9829441; e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .