- reset +
Members Login

Home

Concorso fotografico "Roma in un click"

PDFStampaE-mail

Di seguito, una selezione delle migliori immagini presentate nell’ambito del concorso fotografico “Roma in un click”, l’iniziativa ideata dall’Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze – Istituzione di Roma Capitale, per promuovere la cultura del benessere e la lotta alle dipendenze.

Il concorso, inaugurato in occasione del 153° anniversario dell'Unità Nazionale, è nato con lo scopo di fornire ai ragazzi romani, di età compresa tra i 14 e i 35 anni, un’occasione per raccontare la propria vita nella Capitale, invitandoli ad esprimere, attraverso le proprie foto, valori sani e principi fondamentali quali la bellezza, l’arte, la cultura, le tradizioni, la solidarietà, l’amore per la vita, l’impegno e lo spirito di sacrificio. A ciascun partecipante è stato chiesto di riflettere sugli aspetti più positivi della propria quotidianità, di catturarne i momenti significativi e di condividerli sulla pagina Facebook o sul profilo Instagram dell’Agenzia. Ciò, al fine di fornire ai giovani che risiedono nella Città Eterna un’occasione per mettere in luce il proprio talento e diffondere un messaggio di amore e rispetto per la vita, da condividere con i propri coetanei attraverso i social network.

L’arte, in quanto inno alla bellezza e veicolo privilegiato per esprimere e condividere le proprie emozioni, può rivelarsi un efficace strumento di prevenzione e promozione di stili di vita sani. Liberare la propria creatività, valorizzare le attitudini e orientare i propri interessi in maniera costruttiva, permette di trovare un’alternativa sana all’ebbrezza imprudente, talvolta letale, troppo spesso ricercata nell’alcol o nella droga.

L’opera vincitrice del concorso è “Sky is the limit”, scattata dall'utente di Instagram @_divanoletto.

Un’immagine che simboleggia libertà, bellezza ed armonia, ovvero proprio ciò che la droga toglie alle persone, rinchiudendole in una prigione di dolore e rendendole schiave della dipendenza.

La droga pone delle barriere che, quasi sempre, si trasformano in gabbie: superare il tragico limite della dipendenza e puntare lo sguardo più in alto può ridare speranza e restituire alla vita il suo colore più autentico.