- reset +
Members Login

Home

L’Osservatorio Europeo delle Droghe e delle Tossicodipendenze ringrazia l’Agenzia per le innovazioni nelle politiche sulle tossicodipendenze

PDFStampaE-mail

L’Osservatorio Europeo delle Droghe e delle Tossicodipendenze (OEDT) ha elogiato il lavoro svolto dall’Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze. Dopo aver conosciuto l’intera gamma dei Servizi erogati, unitamente alla strategia che li sottende, dall’OEDT sono arrivati incoraggianti inviti a proseguire sulla strada tracciata aggiungendo che la sopracitata strategia in materia di prevenzione, promozione di stili di vita sani, riabilitazione e reinserimento socio-lavorativo, introdotta dall’Istituzione di Roma Capitale, sarà un elemento utile anche per i lavori in sede europea, augurando all’Agenzia ulteriori successi nel proseguimento della stessa. In un contesto europeo, volto allo scambio di esperienze e buone prassi, l’introduzione e la sperimentazione di un poliedrico quadro dei servizi, come quello posto in essere dalla nostra Istituzione, diviene, per tutti, un valore aggiunto per le azioni di contrasto al fenomeno della tossicodipendenza.

L’approccio assunto dall’Agenzia nella progettazione e realizzazione dei Servizi risulta essere perfettamente in linea con la Strategia dell’Unione Europea in materia di  droga anche per il periodo 2013-2020. All’interno di questo documento si persegue, tra gli altri, l’obiettivo strategico della riduzione della domanda di droga attraverso una serie di misure che si rafforzano reciprocamente: la prevenzione (ambientale, universale, selettiva ed indicata); l’individuazione precoce e l’intervento tempestivo; la riduzione del rischio e del danno; il trattamento, la riabilitazione, l’integrazione sociale e il recupero. Difatti, la Strategia propone che vengano affiancati, ai servizi di riduzione del danno, gli interventi di prevenzione, necessari per migliorare l’impatto delle politiche sulle tossicodipendenze. In questo modo si favorisce la riduzione dell’utenza tossicodipendente attiva nei servizi di pronta accoglienza sia in maniera diretta, attraverso le azioni di cura e reinserimento socio-lavorativo, sia in maniera indiretta con gli interventi di prevenzione, andando ad intervenire sulle giovani generazioni ritardando il primo contatto con le sostanze.

 

Inoltre, la Strategia dell’Unione parla anche di interventi integrati con gli operatori sanitari in grado di intervenire su questioni complesse come la comorbilità, ossia la presenza di disturbi psicopatologici associati al consumo di sostanze stupefacenti. A tal riguardo l’Agenzia, oltre ad aver posto in essere un Centro Diurno Semiresidenziale a soglia intermedia rivolto a persone tossicodipendenti anche con doppia diagnosi,  ha ideato e realizzato un modello sperimentale di intervento attraverso il Progetto Eco, rivolto alla prevenzione della comorbilità in età adolescenziale. Il Progetto, finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha permesso all’equipe scientifica di focalizzare l’attenzione sul legame che intercorre tra i sintomi psichici e il consumo di droghe negli adolescenti, individuando gli strumenti più adeguati per prevenirlo e affrontarlo attraverso percorsi educativi volti a incrementare le capacità di resilienza e la propria responsabilità verso il benessere psico-fisico.

 

Inoltre, gli interventi di prevenzione sono funzionali anche per ridurre l’offerta di droga come, ad esempio, le smart drugs reperibili on line. A tal proposito, il Ministro della Salute ed il Dipartimento Politiche Antidroga, in occasione della presentazione del nuovo Piano di Azione Nazionale contro le Nuove Droghe, hanno sottolineato la necessità di fare prevenzione, contro le Smart Drugs, fin dalla scuola primaria. L’Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze, anticipando operativamente quanto affermato concettualmente nel nuovo Piano di Azione Nazionale, ha ideato e realizzato ex novo, all’interno del Nuovo Quadro dei Servizi Cittadino, 9 servizi di prevenzione e promozione di stili di vita sani, tra cui: un Servizio di prevenzione dei comportamenti a rischio e promozione di stili di vita sani; la prima Comunità Giovanile in Italia finanziata da un ente locale; 2 Servizi di prevenzione sul web; 5 Servizi di prevenzione sulle Scuole Secondarie di secondo grado erogati in tutti i Municipi di Roma Capitale.