- reset +
Members Login

Home

Evento finale - Sportello Sociale per minori e giovani adulti a rischio penale

PDFStampaE-mail

Si è tenuto lunedì 13 giugno, in una gremita Sala del Carroccio in  Campidoglio, l’evento conclusivo del progetto “Sportello Sociale per minori e giovani adulti a rischio penale”, finanziato dalla Regione Lazio, attuato dall’Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze ed affidato per la sua realizzazione, con bando pubblico, all'associazione di promozione sociale A.R.C.A.T. Lazio.

Il convegno, intitolato “Sportello Sociale per minori e giovani adulti a rischio penale: Riflessioni e stimoli per il futuro”, ha visto la presenza di Massimo Canu, Direttore dell’Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze, che ha aperto i lavori con una introduzione sull’attività progettuale messa in campo.

A seguire il Dott. Antonio Grassi - Direttore dell’Unità operativa Complessa interdistrettuale servizi per le dipendenze, il Dott. Fiorenzo Laghi - Docente di Teorie e tecniche di intervento nell’arco della vita -Facoltà di Medicina e Psicologia -Università “Sapienza di Roma” e la d.ssa Adelaide Gargiuto - Direttore UOC Prevenzione e cura delle tossicodipendenze e alcolismo - SerT ASL RMC, hanno offerto interessanti approfondimenti di psicologia che hanno costituito una necessaria base teorica per la comprensione delle tematiche affrontate.

Infine la Dott.ssa Donatella Uccella, dell’ A.R.C.A.T. Lazio - Responsabile di progetto, il Dott. Giovanni  Piccini - Supervisore di Processo del Progetto, il Dott. Marco Forner - Psicologo Dirigente SerT ASL RMA e il Dott. Claudio Leonardi - Direttore UOC Prevenzione e cura delle tossicodipendenze e alcolismo — SerT ASL RMC, hanno presentato l’attività progettuale arricchendola con una serie di esempi concreti di casi rilevati durante il progetto, con situazioni di disagio di giovani e delle loro famiglie, che hanno mostrato con chiarezza le problematiche affrontate e le modalità e l’approccio che gli operatori specializzati hanno messo in campo.

Ricordiamo che il progetto, indirizzato a minori e giovani adulti dai 14 ai 21 anni, con problemi di tossicodipendenza ed eventualmente di giustizia,  si è dipanato in una serie di attività strutturate lungo tutto l’arco della settimana: dagli incontri di mutuo aiuto a quelli informativi sulle tematiche della tossicodipendenza, alle giornate di studio e alle attività sportive. Lo Sportello ha previsto, inoltre, una necessaria integrazione e coinvolgimento delle famiglie, anche nelle attività giornaliere, al fine di poter affrontare più efficacemente le carenze comunicative all’interno dei vari sistemi familiari, così da valorizzare al meglio i punti di forza di ciascun componente.

“Iniziative come quella presentata oggi - ha affermato Massimo Canu - confermano la validità dell’apporto offerto dalle attività svolte dall’Agenzia, in maniera sempre più capillare nel territorio, a vantaggio della popolazione complessiva, perché sempre più diffusi sono gli interventi di carattere preventivo” .

Scarica la locandina

Guarda le foto