- reset +
Members Login

Home

Allucinogeni

PDFStampaE-mail

Il termine “allucinogeno” si riferisce alla proprietà di una sostanza di tipo naturale o sintetico che, agendo sui recettori del Sistema Nervoso Centrale (SNC), provoca alterazioni percettive sia nella sfera visiva che nei processi del pensiero. Si tratta per lo più di sostanze alcaloidi che modificano il normale rilascio di alcuni neurotrasmettitori, provocando reazioni tossiche di diversa intensità. La durata e l’intensità degli effetti variano a seconda della sostanza, generando vere e proprie allucinazioni che comportano un distaccamento totale dal contesto ambientale. Le principali e più conosciute sostanze allucinogene sono di origine vegetale, ma nel tempo sono state prodotte in laboratorio diverse sostanze chimiche, sintetiche o semisintetiche, caratterizzate da effetti analoghi.

Tra i più conosciuti: i funghi allucinogeni, contenenti psilocina e psilocibina; il Peyote, piccolo cactus del Messico, contenente alte percentuali di mescalina e altri alcaloidi. Tra gli allucinogeni naturali: la mescalina, la psilocibina, la psilocina. Si aggiungono a questi anche gli allucinogeni sintetizzati da sostanze naturali (semi-sintetici) come LSD e derivati dell’acido d-lisergico. Tra i principali allucinogeni sintetici, la fenciclidina e la ketamina, sono i più diffusi, ma ad oggi vengono più propriamente classificati come droghe dissociative.

 

PEYOTE E MESCALINA

LSD

FENCICLIDINA (PCP)

KETAMINA